Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

5 Febbraio 2015

Nun se fa a tempo a mette via er presepe

Nun se fa a tempo a mette via er presepe

 ***

Nun se fa a tempo a mette via er presepe,

ch’er tempo già se infrappa in Carnevale.

Toji nastrini e palle de Natale,

da in mezzo a ‘ndov’er sole nun fa crepe …

***

… ch’hai da tirà de fòra l’arzenale

de maschere e trombette e ‘gni “pé-pé”.

Sarà che ciò capelli cacio e pepe,

ma a ‘na velocità ch’è micidiale.

***

Ar punto che me sembra gnente er lasso,

de tempo che ce impiega a girà er sole

tra la Viggija a annà a martedì grasso.

***

Così che copio e incollo, (senza er “mouse“),

pe nun sbajà tra palle e castagnole,

me vesto pe du’ vorte a SANTA CLAUS.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Nun se fa a tempo a mette via er presepe,
    ch’er tempo già se infrappa in Carnevale.
    Toji nastrini e palle de Natale,
    da in mezzo a ‘ndov’er sole nun fa crepe … (continua)

    Comment di Stefano — 5 Febbraio 2015 @ 08:14
  2. Buongiorno!
    Quando eravamo ragazzini il tempo non passava mai, oggi rotola via con la velocità di una valanga!

    Comment di letizia — 5 Febbraio 2015 @ 09:12
  3. A Stè bastava mascherà i pupazzi der presepe e er gioco era fatto eheheh!!!

    Comment di Silvio — 5 Febbraio 2015 @ 10:25

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>