Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Febbraio 2015

Aria de Carnevale

Aria de Carnevale

***

Ariva er tempo mó der Carnevale,

ma per arcuni (e quanti ce ne stanno)

nun cambia gnente, loro tutto l’anno

sò mascherati e finti, sempre, uguale.

 ***

Sò giorni “grassi” pe fà un quarche danno,

tra frappe e castagnole in rituale,

coriannoli e, come da manuale,

stelle filanti e scherzi che se fanno.

 ***

Er giovedì fa come d’apripista,

ar sabbato che è de festa piena,

se chiude er martedì dopo ’sta lista.

 ***

Er Carnevale, sverna e rasserena

e come fosse er mejo illusionista,

co ’na maggìa sa entrà e uscì de scena.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Ariva er tempo mó der Carnevale,
    ma per arcuni (e quanti ce ne stanno)
    nun cambia gnente, loro tutto l’anno
    sò mascherati e finti, sempre, uguale. … (continua)

    Comment di Stefano — 12 Febbraio 2015 @ 08:21
  2. Non c’è bisogno del Carnevale per mascherarsi, è vero, c’è gente che si nasconde dietro alla maschera dell’ipocrisia come stile di vita, fintoni che campano d’apparenza, atteggiandosi continuamente a ciò che non sono! Ricordo da bambino le feste mascherate, coriandoli, stelle filanti, trombette e quant’altro, ehhh beata innocenza…!

    Comment di Silvio — 12 Febbraio 2015 @ 08:49
  3. Insomma, il carnevale non è più quello di una volta: ma si sa che “a carnevale ogni scherzo vale” (chissà poi chi l’ha inventata ‘sta cosa, boh).

    Comment di letizia — 12 Febbraio 2015 @ 11:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>