Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

19 Settembre 2019

Come pò èsse che sò già le sei?

Come pò èsse che sò già le sei?

***

Come pò èsse che sò già le sei?

Si ho smorzato l’occhi da un seconno,

nun so’ arivato manco ar primo sonno,

‘sta sveja strilla già, mannaggia a lei.

***

In fase REM, ch’è er coma più profonno,

sognavo d’èsse un re e vince trofei,

mó invece ‘sta sfracella-zebbedei

risbraita e sona, e si la pìo la sfonno.

***

Perché ar lavoro er tempo se immoviola,

che un’ora pare mezza settimana,

ma guardi l’orologgio è un’ora sola?

***

Quanno t’accucci a letto, cosa strana,

córe che doppia “Flash” pe quanto vola.

DRIIIN DRIIIN, le sei, … vabbè porcaputtana!

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Come pò èsse che sò già le sei?
    Si ho smorzato l’occhi da un seconno,
    nun so’ arivato manco ar primo sonno,
    ‘sta sveja strilla già, mannaggia a lei. … (continua)

    Comment di Stefano — 24 Febbraio 2015 @ 08:27
  2. La sveglia è senza ombra di dubbio il più diffuso strumento di tortura di questo ultimo secolo.

    Comment di Silvio — 19 Settembre 2019 @ 08:34
  3. Non c’è niente di peggio doversi svegliare con un trillo così fastidioso come quello della sveglia, specialmente quando la giornata è brutta come quella di oggi!
    Buona Giornata (comunque)

    Comment di letizia — 19 Settembre 2019 @ 10:45

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>