Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

25 Febbraio 2015

Nun ce crederai

Nun ce crederai

***

Te credi d’èsse ar centro de ‘sto monno

te penzi che pe te gira ‘sta Tera,

ritieni ch’er pianeta sia ‘na sfera

che rota intorno a te e a tutto tònno.

***

Bè, me dispiace spegne ‘sta chimera,

apritte l’occhi come dopo un sonno,

tu nun ce crederai, ma er globbo in fonno

cià artro a cui penzà, matina e sera.

**

Lo so, detta così, resti perplesso,

‘na sorta de teoria copernicana,

su l’univerzo ch’è attorno a te stesso.

***

Ma pure che te sembra arquanto strana,

tu fidate te me, credi a ‘sto fesso,

che nun sei dio, ma ciài natura umana.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Te credi d’èsse ar centro de ‘sto monno
    te penzi che pe te gira ‘sta Tera,
    ritieni ch’er pianeta sia ‘na sfera
    che rota intorno a te e a tutto tònno. … (continua)

    Comment di Stefano — 25 Febbraio 2015 @ 08:55
  2. Non si tratta tanto di EGOcentrISMO, anche se letteralmente confacente al centro di gravitazione del sonetto, quanto piuttosto di supponenza, presunzione, prepotenza, prerogative frequenti in tante persone convinte che tutto si muova in funzione loro. Io sintetizzerei tutto ciò in una sola parola: EGOISMO!

    Comment di Silvio — 25 Febbraio 2015 @ 11:28
  3. Come4 dicewva er granne Arberto Sòrdi: io so’ io e voi nun sète ‘n ca…cchio.

    Comment di 'svardoASR'29 — 25 Febbraio 2015 @ 11:48
  4. buon pomeriggio a tutti! Bel sonetto: colpisce gli egoisti e ce ne sono tanti!

    Comment di letizia — 25 Febbraio 2015 @ 16:43

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>