Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Agosto 2019

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione”

***

Gesù, co Pietro, Giacomo e Giovanni,

salì sur monte Tabor, quanno a un tratto,

er vórto Suo, come da luce ratto,

s’accese inzieme a l’abbiti e a li panni.

***

E a quer punto, in quer momento esatto,

apparzero Mosè e Elia, du’ granni,

pe chiacchierà co Lui, un tempo senz’anni,

’na nube l’attorniò e detto, fatto …

 ***

… da lei sortì ’na voce, e era de Dio,

che disse: “In Lui, Io me so’ compiaciuto,

dateje ascorto, ché questi è er Mi’ Fìo”.

***

Tutto scomparve eppoi, un attimo muto,

Gesù fece: “Finché ce sto qui Io,

nun riccontate de quant’è accaduto”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Gesù, co Pietro, Giacomo e Giovanni,
    salì sur monte Tabor, quanno a un tratto,
    er vórto Suo, come da luce ratto,
    s’accese inzieme a l’abbiti e a li panni. … (continua)

    Comment di Stefano — 1 Marzo 2015 @ 07:45
  2. Il velo dell’umanità di Cristo si solleva e lascia intravedere lo splendore della Sua natura divina. E gli apostoli, che vedono Gesù trasfigurato, vorrebbero restare lì con Lui per sempre! Non dobbiamo dimenticare mai che noi siamo fatti a immagine e somiglianza di Dio!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 6 Agosto 2019 @ 12:50

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>