Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

12 Marzo 2015

Paura de volà

Paura de volà

***

Me renno conto d’èsse un gran fifone,

ma è inutile, nun posso fàcce gnente,

eppure che l’ho preso e de frequente,

‘gni vorta che ce sargo, ciò er magone.

***

L’aereo ve sto a dì, naturarmente,

paura de volà su quer bestione,

trabbiccolo pe me … e nun c’è raggione …

lo so, lo pìa ‘gni giorno tanta gente.

**+

Ma a me l’idea de stà sospeso in aria,

in mano a un pilota, pure esperto,

me mette un’anzia guasi leggendaria.

***

“Ma è er mezzo più sicuro, eppoi è er più sverto”

Sarà … Ma è ‘na frase lapidaria,

che nun me toje er panico che avverto.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Me renno conto d’èsse un gran fifone,
    ma è inutile, nun posso fàcce gnente,
    eppure che l’ho preso e de frequente,
    ‘gni vorta che ce sargo, ciò er magone. … (continua)

    Comment di Stefano — 12 Marzo 2015 @ 09:03
  2. Anche io sento una vaga inquietudine ogni volta che prendo l’aereo, è più forte di me. Se il Signore avesse voluto farci volare ci avrebbe dato le ali.

    Comment di letizia — 12 Marzo 2015 @ 10:50
  3. Bongiorno Ste’, ce hai raggione, è ‘na cosa ‘nteriore che me pija quanno volo su l’aerei de linea, pe voli nazzionali o de lungo raggio (USA , Argentina). Nun l’ho sentita quanno ho volato su Roma co ‘n Piperino, de scòla volo, piloti i miei ragazzi appena freschi de brevetto de seconno grado.

    Comment di 'svardoASR'29 — 12 Marzo 2015 @ 10:57

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>