Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Marzo 2015

Er verde in Primavera

Er verde in Primavera

***

Er verde de le foje in Primavera,

nun s’aritrova più er resto de l’anno,

misteri de Natura che ne fanno

la cosa più incredibbirmente vera.

 ***

Nemmanco li pittori ce lo sanno,

com’è che li colora e co che cera

je passa quela tinta da fioriera,

che nun lo fa un pennello co l’inganno.

 ***

È un verde tra er marino e lo smerardo,

lucente, gonfio, vivido e corposo,

che sa de fresco, ma scalla lo sguardo.

 ***

Un senzo de rinascita giojoso,

ch’è er timbro de la vita sur traguardo,

davanti ar sor Inverno, ormai a riposo.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Er verde de le foje in Primavera,
    nun s’aritrova più er resto de l’anno,
    misteri de Natura che ne fanno
    la cosa più incredibbirmente vera. … (continua)

    Comment by Stefano — 21 Marzo 2015 @ 08:13
  2. Questi versi che descrivono la Primavera sono molto belli, però stamattina sembra inverno: tira un vento gelido e il cielo è nuvoloso. Comunque Buon Sabato a tutti.

    Comment by letizia — 21 Marzo 2015 @ 10:47
  3. Bella la Primavera ,descritta in questo sonetto, ma il Sole si è coperto, o meglio nascosto, forse perché adirato dal fatto che ieri la Luna lo ha oscurato.
    E’ vero anche che VERDE, con i campioncini della Primavera, affronterà il Chelsea.

    Comment by RomamoR AsR '929 — 21 Marzo 2015 @ 11:56

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>