Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

25 marzo 2015

Sarebbe marzo

Sarebbe marzo

***

Sarebbe marzo, ma s’è travestito

levannose li cenci a Primavera,

rubbannoje a Novembre l’atmosfera

de griggi dar cappotto ‘nfracichito.

***

Sarebbe marzo, ma er cèlo s’annera

da autunno che staggiona a l’infinito,

le foje sò de un verde spallidito

e piove che impozzanghera la tera.

***

Sarebbe marzo, e pure attempatello,

ché un soffio e aprile sta a aspettà a la porta,

ma intanto prova a uscì senza l’ombrello …

***

… sarebbe marzo, e cià memoria corta,

perché si è vero ch’è un po’ “pazzerello”,

er sole scapoccella quarche vorta?

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Sarebbe marzo, ma s’è travestito
    levannose li cenci a Primavera,
    rubbannoje a Novembre l’atmosfera
    de griggi dar cappotto ‘nfracichito. … (continua)

    Comment by Stefano — 25 marzo 2015 @ 09:18
  2. Invece di dire Buona Pasqua, diremo Buon Natale!

    Comment by letizia — 25 marzo 2015 @ 11:53
  3. Marzo era chiamato pazzerello quanno le giornate ereno frammiste de nuvole e de sole. Allora nun sapevi se prenne l’ombrello o azzarda’ de becca’ ‘na fracicata.
    Invece mo’ un par de giorni so’ così, ma er resto quanno piove, diluvia ore ‘ntere.
    Aspettamo che artro ce porterà aprile co’ Santa Bibbiana. Invece de la machina o der busse, toccherà fasse er canotto o aspetta’ er battello.

    Comment by 'svardoASR'29 — 26 marzo 2015 @ 01:08

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>