Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

27 Marzo 2015

Er pilota suicida

Er pilota suicida

***

Te vòi ammazzà, ammesso sia concesso,

bè fàllo in quarche modo, er più isolato,

te levi da ‘sto monno de filato,

e vai a dormì de sotto a un ber cipresso.

***

Ma a ‘sta magnera che te sei ‘nventato,

portannote ‘sta pora gente appresso,

solo perché tu in fonno sei depresso,

ma taccitua e de quanno mai sei nato.

***

E me la pìo pure co quer dottore

che t’ha permesso de stà a fà er pilota,

dopo un passato già co ‘sto sentore.

***

E quela compagnia degna de nota

pe avé poi assunto te lavoratore,

che già pe ‘sto motivo “perde quota”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Te vòi ammazzà, ammesso sia concesso,
    bè fàllo in quarche modo, er più isolato,
    te levi da ‘sto monno de filato,
    e vai a dormì de sotto a un ber cipresso. … (continua)

    Comment di Stefano — 27 Marzo 2015 @ 09:30
  2. Bongiorno Ste’, co sto sonetto hai stigmatizzato come hannoi da esse’ li contgrolli a gente che tie’ ‘a responsabbilità de tante artre perzone. Tengo du’ fiji che voleno: uno pilota de aerei de linea e ‘n’antro elicotterista; quanno succedeno sti fatti, sto sempre ‘n ansia.

    Comment di 'svardoASR'29 — 27 Marzo 2015 @ 10:07
  3. Un gesto del genere è deprecabile tanto quanto un attentato terroristico!

    Comment di Silvio — 27 Marzo 2015 @ 10:33
  4. Una cosa orribile che mi ha sconvolto, sono senza parole.

    Comment di letizia — 27 Marzo 2015 @ 10:48

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>