Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Aprile 2019

Dar Vangelo der giorno: “nun è qui, è risorto”

Dar Vangelo der giorno: “nun è qui, è risorto”

***

Maria de Màgdala, ar matino presto,

annò ar seporcro ‘nd’era posto er Cristo,

co aromi e oli a unge er Corpo pisto

tre giorni dopo er fatto più funesto.

***

Penzò … come farò, e già me rattristo,

a toje er masso enorme messo lesto

davanti a quela tomba, co che gesto?

 Ma quanno che arivò co l’occhi ha visto …

***

… quer masso ch’era già stato spostato,

e un omo in veste candida je disse:

“Gesù qui nun ce sta e nun va cercato.

***

Tu nun avé paura: si era morto,

adesso è in Galilea, Lui che predisse,

tre giorni in cui sarebbe poi risorto”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Maria de Màgdala, ar matino presto,
    annò ar seporcro ‘nd’era posto er Cristo,
    co aromi e oli a unge er Corpo pisto
    tre giorni dopo er fatto più funesto. — (continua)

    Comment di Stefano — 5 Aprile 2015 @ 07:26
  2. Nel Nome di Gesù Risorto, Buona Pasqua di Resurrezione a tutti!

    Comment di letizia — 5 Aprile 2015 @ 11:19
  3. Il Signore è risorto per noi, Alleluia!
    Buona Pasqua!

    Comment di letizia — 21 Aprile 2019 @ 13:08

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>