Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

7 Aprile 2015

E dopo la parentesi pasquale

E dopo la parentesi pasquale

***

E dopo la parentesi pasquale,

a córpi de salame e cioccolata,

torte e colomba, abbacchio co patata,

tocca tornà ar ritmo usuale.

***

Provà ‘na dieta, quanto mai forzata,

in vista de la prova staggionale

quella costume e nun nisconne male

la robba che se semo strafogata.

***

Perché ar momento, co la panza a ovo,

li fianchi de colomba co l’alette 

e er lato B a pastiera, si me provo …

***

… io quer costume che lo vado a mette,

quello me fa: “Ricompretelo novo

o pe tre mesi posa le forchette!” 

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. E dopo la parentesi pasquale,
    a córpi de salame e cioccolata,
    torte e colomba, abbacchio co patata,
    tocca tornà ar ritmo usuale. … (continua)

    Comment by Stefano — 7 Aprile 2015 @ 08:43
  2. Questo sonetto ha suscitato la mia ilarità: è veramente divertente. Comunque, invece di andare al mare possiamo andare in montagna!
    Buona serata!

    Comment by letizia — 7 Aprile 2015 @ 20:06

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>