Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

15 aprile 2018

Dar Vangelo der giorno: “Pace a voi”

Dar Vangelo der giorno: “Pace a voi”

***

Così Gesù je disse: “Pace a voi”,

ma vide li discepoli turbati,

“Nun so’ un fantasma, ciò li connotati

de chi era morto e è risorto poi.

***

Toccate, mano e piedi traforati,

so’ carne e ossa vive e no d’eroi,

ciavete da magnà?” – “Der pesce, vòi?”

E lo magnò tra sguardi estasiati.

***

“Come sta scritto”, allora poi riprese,

“er Cristo aveva da soffrì er supplizzio

de quela Croce pe lavà l’offese …

***

… antiche e li peccati da l’inizzio,

pe poi arisorge e accoje a braccia tese

 chi se converte e nun pe fà er Giudizzio”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

  1. Così Gesù je disse: “Pace a voi”,
    ma vide li discepoli turbati,
    “Nun so’ un fantasma, ciò li connotati
    de chi era morto e è risorto poi. … (continua)

    Comment by Stefano — 19 aprile 2015 @ 08:02
  2. “E la pace di Dio, che sorpassa ogni intelligenza, custodirà i vostri cuori…” (S. Paolo). A questo mondo e in tutti i tempi ne serve tanta di pace!
    Buona Domenica.

    Comment by maria letizia — 15 aprile 2018 @ 09:11

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>