Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

20 Aprile 2015

Pe quanto vòi indorallo a porporina

Pe quanto vòi indorallo a porporina

***

Pe quanto vòi indorallo a porporina

e vòi vedé er bicchiere mezzo pieno,

te sfido a trovà un senzo in un baleno

a che vor dì er lunedì matina.

***

Me sforzo anch’io de stà a guardà er sereno,

ma oggi no, l’umore va in cantina,

e come fai tu a fà ‘na risatina

ché io me sento fisso sott’a un treno?

***

Er lunedì è un morbo planetario,

è un attentato a le Costituzzioni,

è criminale, è anti-umanitario.

***

E si v’ammorbo e ariempio de pipponi,

nun è che ciò ‘sto disco e nun lo vario,

è lui che torna a rompe li cojoni.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Pe quanto vòi indorallo a porporina
    e vòi vedé er bicchiere mezzo pieno,
    te sfido a trovà un senzo in un baleno
    a che vor dì er lunedì matina. … (continua)

    Comment by Stefano — 20 Aprile 2015 @ 08:59
  2. Il lunedì andrebbe incriminato per violazione dei diritti umani!

    Comment by Silvio — 20 Aprile 2015 @ 09:43
  3. Io ora, essendo pensionata, non odio il lunedì. Ma oggi è proprio un lunedì dimmerda.

    Comment by letizia — 20 Aprile 2015 @ 11:43
  4. Bon giorno e bon pranzo. Dopo ‘n domenica come quella de ieri è scontato che er lunedì sia abbastanza schifoso, però ho da di’ che dopo ave’ letto sto sonetto me s’è cambiato l’umore. Si, perché m’ha strappato na gran bella risata. Teribbile sta disintrocrasia che Stefano tie’ pe er lunedì. Daje che domani è martedì.

    Comment by 'svardoASR'29 — 20 Aprile 2015 @ 12:15

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>