Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani

21 Aprile 2018

21 aprile 753 a.C.

21 aprile 753 a.C.

***

Romolo e Remo, quer ventuno aprile,

se vollero sfidà pe fonnà Roma,

vinze chi vide, arzanno testa e chioma,

più ucelli in volo, soli o messi in file.

 ***

Fu Romolo, se sa, ormai è un assioma,

co Remo che je fu arquanto ostile,

ma er primo, co l’aratro e senza bile,

tracciò quer sórco co bestie da soma.

 ***

Quann’ebbe disegnato un ber quadrato,

Romolo parcheggiò l’aratro e er bue,

Remo j’entrò co un sàrto in quer tracciato.

 ***

Romolo, fino a allora su le sue,

je disse: “A Re’, ma va’ a morì ammazzato,

qui a Roma nun se pò comannà in due”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: 21 aprile 753 a.C.

***

******

  1. Romolo e Remo, quer ventuno aprile,
    se vollero sfidà pe fonnà Roma,
    vinze chi vide, arzanno testa e chioma,
    più ucelli in volo, soli o messi in file. … (continua)

    Comment by Stefano — 21 Aprile 2015 @ 08:10
  2. XXI aprile, Natale di Roma! Nasceva una straordinaria civiltà, la più grande fino a quel momento, quella che ha fissato indelebilmente, da allora in avanti, l’impianto giuridico, sociale e politico (oltre che ingegneristico, bellico, commerciale) e poi anche cristiano, dell’intero attuale mondo “occidentale”!

    Comment by Silvio — 21 Aprile 2015 @ 09:17
  3. Roma mia quanto ti amo, non potrei vivere senza di te!

    Comment by letizia — 21 Aprile 2015 @ 11:28
  4. “….qui a Roma nun se pò comanna in due”
    Li tempi so’ cambiati e de mòrto; mo vònno comanna’ ‘n cento e stanno sempre a litiga tra loro pure quelli che pare sieno d’o stesso colore.
    Roma, ariesci a esse’ ancora bella a dispetto de che vorebbe distrugge.
    SVEJETE ROMA!!!

    Comment by RomamoR AsR '929 — 21 Aprile 2015 @ 15:45
  5. AVE ROMA !!! Te saluta er popolo de l’odierni “liberti”, sempre aggiogato ar carro der vincitore, de turno, de l’italico suolo; suolo sempre più invaso da orde barbare dell’Est, mediorentali, asiatiche e africane che, ‘na vòrta schiave, adesso vònno spadroneggia’.
    AVE DEA ROMA, daje ‘na risvejata a sto popolo dormente e ….. “jonito-rinco”.
    Soffro a vedette ridotta cosi ……. AMOR!

    Comment by Romamor — 21 Aprile 2017 @ 11:49
  6. Auguri ROMA! Per i formellesi è stata la prima delle sconfitte!
    Buon Pomeriggio.

    Comment by maria letizia — 21 Aprile 2018 @ 16:04

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>