Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

15 Maggio 2021

San Pietro

San Pietro

***

Arivi in via de la Conciliazzione,

prima ch’er Colonnato t’arintraccia,

senti più dorce l’aria su la faccia,

arzi lo sguardo e vedi er Cuppolone.

***

E movi gambe, busto, testa e braccia,

tutt’arivorto in quela direzzione,

er còre te s’ariempie d’emozzione,

da toje er fiato, come in de bonaccia.

***

Quanno che sei ar centro de la piazza,

te guardi intorno e t’ariggiri indietro,

t’accerchia gente e vita de ’gni razza.

***

E si cammini ancora quarche metro,

de botto quela vista te la spiazza,

la santità vivente de San Pietro.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Arivi in via de la Conciliazzione,
    prima ch’er Colonnato t’arintraccia,
    senti più dorce l’aria su la faccia,
    arzi lo sguardo e vedi er Cuppolone.

    Comment by Stefano — 15 Maggio 2021 @ 06:33
  2. Tanto tempo fa dalla prima balconata si poteva vedere quasi tutta Roma e si poteva salire fino alla sfera in bronzo dorato! Ma oggi lassù non ci si può andare più!
    Buon sabato.

    Comment by letizia — 15 Maggio 2021 @ 15:09

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>