Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Maggio 2015

Co la forza de un biplano

Co la forza de un biplano

***

Nun fà così, eddaje, amico caro,

tirete su, e nun te dà pe vinto,

scrolla ‘ste spalle, butta giù, convinto,

quest’artro e urtimo boccone amaro.

***

Io te capisco che ‘sto monno finto,

a te che nun sei certo nato baro, 

te smembra e te fa er pieno, paro paro,  

de amarezze ar dì, a ‘gni piè sospinto.

***

Ma te conosco ormai fin troppo bene,

e so che ciài la forza d’un biplano

e gnente te pò mette le catene.

***

Perciò riaccenni ‘sti motori piano,

poi daje er gas e come er sangue in vene 

 scori ‘sta pista e vola via lontano!

***

Stefano Agostino

________________________________

***

  1. Nun fà così, eddaje, amico caro,
    tirete su, e nun te dà pe vinto,
    scrolla ‘ste spalle, butta giù, convinto,
    quest’artro e urtimo boccone amaro. … (continua)

    Comment di Stefano — 2 Maggio 2015 @ 13:56
  2. “ci vuole un fisico bestiale” per sopportare giornalmente tutte le amarezze che siamo costretti ad affrontare, ma con l’aiuto del Signore ce la possiamo fare.
    Buon sabato a tutti (o, almeno, quello che resta).

    Comment di letizia — 2 Maggio 2015 @ 15:51
  3. Spero che sia l’urtimo de boccone amaro, ma nun ce credo. Comunque so’ arivato avanti co’ l’età e, de bocconio amari, ‘n’ho dovuti ‘ngoja diverzi, sempre co ‘a speranza che fosse l’urtimo.
    Tranquillo, che er pèopolo itagliano è abbituato a sto tipo de ‘ngojature e manna sempre giù. Chissà se ‘n giorno se stuferà?
    Vojo penza’ a domani, speranno che la Roma nun me ne propinì ‘n’antra
    de amarezza. SEMPRE FORZA ROMA!!!

    Comment di 'svardoASR'29 — 2 Maggio 2015 @ 16:58

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>