Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Stagione 2014/15

3 Maggio 2015

Roma – Genoa

Roma – Genoa: 2-0

***

Tre punti e s’aritorna a vince in casa,

dopo pareggi sterili e melenzi,

due a zero co Doumbia e co Florenzi

è  armonia che ar còre se travasa.

***

Vittoria, quinni, co parpiti intenzi,

a scaccià via e pe fà tabbula rasa,

de dubbi su ‘na squadra che se gasa

tanto deppiù de quello che se penzi.

***

Ma adesso tocca spigne senza freni

pe quer seconno posto che a ‘sto punto

è d’obbligo tené carichi e pieni.

***

Ch’è er modo pe levacce er disappunto

de ‘na staggione ricca de veleni,

senza stà a fanne mó tutto er riassunto.

***

Stefano Agostino

***

  1. Tre punti e s’aritorna a vince in casa,
    dopo pareggi sterili e melenzi,
    due a zero co Doumbia e co Florenzi
    è armonia che ar còre se travasa. … (continua)

    Comment by Stefano — 3 Maggio 2015 @ 16:53
  2. M’unisco ar coro finale d’a partita: 2 VOLEMO 11 FLORENZIIIII!!!!

    Comment by RomamoR AsR '929 — 3 Maggio 2015 @ 19:08
  3. “…è armonia che ar core se travasa…” beeeeellooooo! Che gioia!
    Grande FLORENZI!

    Comment by letizia — 3 Maggio 2015 @ 20:22
  4. Ho sentito per radio una buona partita, non eccelsa fino alla prodezza di Florenzi!!! Bravo, intelligente e anche carino (peccato che potrei essere sua madre)

    Comment by principessa — 4 Maggio 2015 @ 19:50

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>