Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

6 Maggio 2015

Scrollà le spalle

Scrollà le spalle

***

“Vabbè, è così, se sa, porta pazzienza!

Nun ce penzà, ma sì, scrolla le spalle!

Te inzegno io er modo pe affrontalle

tutte ‘ste rogne” – dice la coscènza.

***

Io j’arisponno: “Ma che sò ‘ste balle?

Ariva er giorno, e guarda … è questo … penza,

che de scrollà le spalle pe esperienza

ce n’hai pien piene ar limite le palle”.

***

Quer giorno in cui sei tu a èsse strano,

si nun te sai tené e parti a razzo

e esplodi come e peggio de un vurcano.

***

Ma nun sarà piuttosto che l’andazzo

de stà a scrollà le spalle piano piano,

t’ha lentamente sconquassato er cazzo? 

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. “Vabbè, è così, se sa, porta pazzienza!
    Nun ce penzà, ma sì, scrolla le spalle!
    Te inzegno io er modo pe affrontalle
    tutte ‘ste rogne” – dice la coscènza. … (continua)

    Comment di Stefano — 6 Maggio 2015 @ 08:49
  2. Al giorno d’oggi bisogna avere pazienza a tutti i costi per non incorrere in cose peggiori! Domani sarà un altro giorno. Buona serata!

    Comment di letizia — 6 Maggio 2015 @ 17:37
  3. Er fatt è che quanno se esplode nunè contro che ce ha portato a sta situazzione, lo famo contro chi nun c’entra gniente. Chissà se ‘n giorno esplodeno ‘n ntanti ner verzo giusto? De certo , co l’andazzo de mo’, quer giorno è lontano e io nun ce sarò a godemelo.

    Comment di 'svardoASR'29 — 7 Maggio 2015 @ 00:21

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>