Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

9 Maggio 2015

Er 7 e 30

Er 7 e 30

***

Cià er nome de la sveja der matino,

e fórze nun è manco casuale,

ché a compilallo spesso è micidiale

come quer sibbilaccio matutino.

***

C’è pure chi nun riesce mai a annà male,

se scarica de tutto e, precisino, 

deduce ‘gni spesuccia e ‘gni scontrino,

pure la carta a veli da orinale.

***

 E peffortuna viè ‘na vorta a l’anno,

che già a riempillo è tutta un’archimia,

sbaji ‘na riga e te combini un danno.

***

E tutti l’anni pe ‘na quar maggìa,

de quelle senza trucco e co l’inganno,

c’è er ricco che dichiara carestia.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Cià er nome de la sveja der matino,
    e fórze nun è manco casuale,
    ché a compilallo spesso è micidiale
    come quer sibbilaccio matutino. … (continua)

    Comment by Stefano — 9 Maggio 2015 @ 06:58
  2. Chi più ne ha più ne ometta.

    Comment by Laio — 9 Maggio 2015 @ 07:44
  3. Pratica già espletata, grazie all’aiuto di una operatrice CAF competente 😀

    Comment by principessa — 9 Maggio 2015 @ 09:42
  4. “…c’è er ricco che dichiara carestia.”, quanto c’hai ragione!

    Comment by letizia — 9 Maggio 2015 @ 10:40
  5. Ce stavo giusto a penza’ ieri: ho da mette in ordine li scontrini d’a farmacia e le fatturine de li specialisti, ma ho già fatto ‘e fotocopie. Lunedì vado ar CAF.

    Comment by 'svardoASR'29 — 9 Maggio 2015 @ 10:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>