Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

23 Maggio 2015

A forza de solà

A forza de solà

***

E mó nun piagne: hai preso in giro er monno,

che dici: “Sò spariti tutti attorno”,

j’hai rifilato sòle notte e giorno

t’hanno tanato e manco più ce vonno …

***

… venì da te o bazzicatte intorno,

se sò svejati dar profonno sonno,

accorti che l’hai cojonati a fonno,

e stai a rischià ben più de quarche scorno.

***

E quella che chiamavi tu clientela,

ammesso l’uso “boom” de ‘sta parola,

t’ha già lassato lì in brache de tela.

***

Ché a forza d’ammollà a tutti la “sòla”,

da serpe a Adamo e Eva co la mela,

mó pe cliente ciài l’amaro in gola.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***

  1. E mó nun piagne: hai preso in giro er monno,
    che dici: “Sò spariti tutti attorno”,
    j’hai rifilato sòle notte e giorno
    t’hanno tanato e manco più te vonno … (continua)

    Comment by Stefano — 23 Maggio 2015 @ 08:06
  2. Forse me so’ perzo quarche notizzia, dato che nunn capisco si er sonetto è diretto a quarche vivente, oppure vòi pesca ner gran monno de li “sòla”. La ròta gira e prima o poi, se nun tutti, armeno ‘na bòna parte, vengheno smascherati.

    Comment by 'svardoASR'29 — 23 Maggio 2015 @ 15:39
  3. Attenzione perchè le sòle sono all’ordine del giorno!
    Buon sabato a tutti.

    Comment by letizia — 23 Maggio 2015 @ 17:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>