Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

12 Giugno 2015

L’angoletto tuo

L’angoletto tuo

***

Ricavete ‘na nicchia, quar che sia,

quarcosa tutta tua, ‘na tua passione,

l’oggetto ce lo sai co precisione,

ma fàllo, no pe sola fantasia.

***

Te servirà ar momento e a l’occasione,

quanno che ciài bisogno d’annà via,

ché tutto intorno a te pare follia,

te sarverà er cervello e la raggione.

***

Ché ‘gni omo cià diritto a quer cantuccio,

ner monno sempre più globbalizzato,

pe conzervà se stesso, e nun fà er ciuccio …

***

… che a forza de fà “social” ‘gni suo stato,

de “suo” nun cià più manco, ed è un ber cruccio,

quer che fa in bagno, ché l’ha pubblicato.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Ricavete ‘na nicchia, quar che sia,
    quarcosa tutta tua, ‘na tua passione,
    l’oggetto ce lo sai co precisione,
    ma fàllo, no pe sola fantasia. … (continua)

    Comment by Stefano — 12 Giugno 2015 @ 08:51
  2. … Ché ‘gni omo cià diritto a quer cantuccio, ner monno sempre più globbalizzato, … E’ una verità sacrosanta, sembra la scoperta dell’acqua calda ma, se ci si pensa bene, oggi non è un concetto poi così scontato! Insomma dobbiamo tutti tornare a riappropriarci di noi stessi!!!

    Comment by Silvio — 12 Giugno 2015 @ 10:57
  3. Sacrosanta verità in questi versi! Il mio angolo meraviglioso è GESU’ e LUI non mi tradirà MAI.
    Buona giornata!

    Comment by letizia — 12 Giugno 2015 @ 11:48

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>