Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

22 Giugno 2015

Bon EST A TE

Bon EST A TE

***

Si è vero che la Luce viè da Oriente,

‘ndó a l’orizzonte scapoccella er Sole,

a punta d’arba azzitta le parole,

ar novo giorno da irradià nascente, …

***

… ner tempo quanno chiudeno le scòle,

comincia la staggione più lucente,

der mare e tempo de un dorce fà gnente,

sempre chi lo pò fà e si Dio vole …

***

… vojo auguratte un pieno de tre mesi

de giorni luminosi e notti a stelle,

e attimi che potrai dì ben spesi.

***

Da Oriente viè la Luce, e venne er Re,

così novanta luci e no fiammelle,

una ‘gni giorno, co un bon EST  A  TE. 

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Si è vero che la Luce viè da Oriente,
    ‘ndó a l’orizzonte scapoccella er Sole,
    a l’arba quanno azzitta le parole,
    ar novo giorno da irradià nascente, … (continua)

    Comment by Stefano — 22 Giugno 2015 @ 08:44
  2. Che siano novanta giorni luminosi per tutti! Grazie Stè!

    Comment by Silvio — 22 Giugno 2015 @ 09:24
  3. Ma è proprio bella questa poesia, sei davvero bravo Stefano!
    Più la leggo e più mi piace!!!!!!!!!
    Buona Estate.

    Comment by letizia — 22 Giugno 2015 @ 11:14
  4. Bongiorno e ancora. BONA ESTATE A TUTTI.
    E STATE tranquilli che, sippure quarche goccia ariverà, sarà pe nun fa’ secca’ troppo ‘a Tera e dacce quarche attimo de sollievo a la callaccia.
    E STATE già quasi tutti ar mare, ma prima tanti so’ iti ar Monte de pietà, pe pagasse ‘na vacanzetta.

    Comment by 'svardoASR'29 — 22 Giugno 2015 @ 11:15
  5. Grazie mille Letizia e grazie anche a Silvio e Svardo. Vi voglio bene

    Comment by Stefano — 22 Giugno 2015 @ 11:41

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>