Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

27 Giugno 2015

L’infamità de ‘gni atto terorista

L’infamità de ‘gni atto terorista

***

L’infamità de ‘gni atto terorista

nun cià eguali in tutto quanto er monno,

quale coraggio ce pò stà, in fonno,

a uccide gente indifesa, a vista.

***

In nome de ‘na fede come vonno

che vede l’infedeli tutti in lista

da eliminà. Ammazza che conquista:

un dio che vole morti ‘gni seconno.

***

Ma quale ideologgia o religgione

pò professà un credo a ‘sta magnera,

che ‘gnuno cià ‘na sua interpretazzione.

***

‘Na Fede, quale sia, purché sia Vera

è un Dio che ama, è fà contemplazzione,

è vive de Speranza e de Preghiera.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

  1. L’infamità de ‘gni atto terorista
    nun cià eguali in tutto quanto er monno,
    quale coraggio ce pò stà, in fonno,
    a uccide gente indifesa, a vista. … (continua)

    Comment di Stefano — 27 Giugno 2015 @ 07:42
  2. E’ stata una giornata spaventosa e sanguinosa. Una preghiera per i morti.

    Buon Sabato a tutti.

    Comment di letizia — 27 Giugno 2015 @ 09:31
  3. Terribile fatto. Pensiamo a guardarci intorno ché li abbiamo anche come probabili vicini di casa: sono le famose cellule dormienti, falsamente tranquilli.
    Atroce è stata la morte di quelle vittime e altrettanto il dolore dei congiunti e amici che li piangono.
    Mi unisco a Letizia nella preghiera.

    Comment di 'svardoASR'29 — 27 Giugno 2015 @ 12:35

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>