Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

8 Luglio 2015

Nun cammina de un “Metro”

Nun cammina de un “Metro”

***

Quest’artra brillantissima idea

(però a rimà de l’Atac so’ ormai stanco)

me riferisco a lo sciopero bianco,

completa un panorama de diarrea.

***

Le “metro” normarmente sò da sfianco,

ma in de ‘sti giorni d’afa da fà apnea,

der “metro” ne capisci la nomea,

ché fatto quello, er resto viè in arranco.

***

Lo sciopero, si è bianco, è  un mezzo infame:

nun s’arinuncia più ar propio salario,

se crea un disservizzio da letame.

***

Chi se la pìa in quer posto, zitto e chino,

è tanto, è sempre, è solo, e in de ‘gni orario,

er solito poraccio cittadino.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Quest’artra brillantissima idea
    (però a rimà de l’Atac so’ ormai stanco)
    me riferisco a lo sciopero bianco,
    completa un panorama de diarrea. … (continua)

    Comment by Stefano — 8 Luglio 2015 @ 08:56
  2. Il trasporto pubblico a Roma fa schifo e il pensiero del giorno è proprio pertinente.
    Buona giornata bollente!

    Comment by letizia — 8 Luglio 2015 @ 10:10
  3. Ringrazio il cielo ogni giorno di muovermi su due ruote 12 mesi l’anno: oltre a sentirmi vittima di tutti i disservizi di questo nostro Paese, almeno evito di sentirmi inerme di fronte alla sciagura del trasporto pubblico…
    Buon caldo rovente a tutti!

    Comment by Silvio — 8 Luglio 2015 @ 10:44

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>