Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

4 luglio 2018

Caronte ar fronte

Caronte ar fronte

***

Ce se prospetta ‘st’artro anticiclone,

che poi è un ritorno a riguardà la fonte,

sta pronto a traghettacce er sor “Caronte”,

indentr’ar forno cotti sur carbone.

***

E già ar sentore solo a l’orizzonte,

de l’AFA da boccheggio ciò er magone,

vabbè, lo so, se sa, … dice è staggione,

ma a l’idea me ‘nfracico la fronte.

***

Manco je posso dì: “Non ti crucciare,

vuolsì così colà dove si puote,

ciò che si vuole e più non dimandare” …

***

… Ché qui nun c’è un Virgilio a fà da perno,

ce sò in compenzo le “dolenti note”,

che sta a arivà un anticipo de Inferno.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Ce se prospetta ‘st’artro anticiclone,
    che poi è un ritorno a riguardà la fonte,
    sta pronto a traghettacce er sor “Caronte”,
    indentr’ar forno cotti sur carbone. … (continua)

    Comment by Stefano — 7 luglio 2017 @ 08:10
  2. Dal caldo ci difendiamo ormai bene con l’aria condizionata e poi andando al mare o in montagna. Peccato solo che l’estate duri poco…

    Comment by Silvio — 4 luglio 2018 @ 10:45
  3. Ormai è diventata ‘na ricorenza: ‘gni anno ariva sto cacchio de Caronte a ricordacce che ce sta l’Inferno. Ma nun je poteveno mette ‘n’antro nome? Auguro ma tutto er monno de pote’ gode’ er freschetto der ponentino romano.

    Comment by 'svardo — 4 luglio 2018 @ 14:53
  4. Dalle previsioni meteo sembra che CARONTE sia solo un flash, la vera E 2018 arriverà solo a settembre – ottobre… Mah!!!
    Buon Pomeriggio!

    Comment by maria letizia — 4 luglio 2018 @ 16:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>