Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

17 Luglio 2015

Me la pìo co Noè

Me la pìo co Noè

***

Noè che se l’è messe ‘ndentr’a l’Arca

pe navigà er diluvio in mezzo ar mare,

intenno dì, ovviamente, le zanzare,

m’avrebbe da spiegà er Patriarca …

***

… com’è che ortre a le perzone care,

e bestie de ‘gni razza e de ‘gni marca,

s’è caricato sopr’a quela “barca”

‘ste maledette succhia-sangue amare.

***

Hai da lottà ‘gni notte cor ronzio

de quella che te punta già ar matino,

penzanno: “Questo questa notte è mio!”

***

Te sveji, ammesso mai che poi hai dormito,

che sei tutt’un prurito e l’occhio fino

dichiara quanto sei rincojonito. 

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Noè che se l’è messe ‘ndentr’a l’Arca
    pe navigà er diluvio in mezzo ar mare,
    intenno dì, ovviamente, le zanzare,
    m’avrebbe da spiegà er Patriarca … (continua)

    Comment di Stefano — 17 Luglio 2015 @ 08:49
  2. E’ che pensano di essere animali domestici, per questo si prendono tanta confidenza…, va beh a parte gli scherzi: ahò se ce l’hanno tanto con te Stè, tu di sicuro qualcosa gli hai fatto, dai ammettilo… ahahahahahah !!!

    Comment di Silvio — 17 Luglio 2015 @ 09:07
  3. A leggere questi versi mi sono fatta una bella risata!
    Da noi è stata fatta una disinfestazione nel giardino sottostante e ora le zanzare, che non hanno gradito, sono salite al quarto piano dove abito io!

    Comment di letizia — 17 Luglio 2015 @ 10:42

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>