Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Settembre 2021

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e er sordomuto”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e er sordomuto”

***

Gesù, come fu ar mar de Galilea,

quanno se seppe de ch’era venuto,

quarcuno je portò un sordomuto,

tra la popolazzione bona e rea.

***

E Lui, lontano dar Suo risaputo,

ché granne s’era fatta la nomea,

impose mano ar muto de contea,

poi disse “Effatà” e in quer minuto …

***

… a quello je s’aprì er sordo orecchio,

la lingua je se sciorze e già parlava,

… Gesù je fece: “Nun dì gnente, vecchio”.

***

Ma intanto fra la gente che ce stava,

s’annava riccontando, anche parecchio,

de quer Gesù e de come che sanava.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Gesù, come fu ar mar de Galilea,
    quanno se seppe de ch’era venuto,
    quarcuno je portò un sordomuto,
    tra la popolazzione bona e rea. …

    Comment by Stefano — 5 Settembre 2021 @ 03:44
  2. Solo Gesù può correggere i difetti della della nostra imperfetta natura umana e darci la vera vita.
    Buona Domenica.

    Comment by letizia — 5 Settembre 2021 @ 13:23

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>