Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

11 settembre 2015

Pe tutti l’11 settembre

Pe tutti l’11 settembre

***

È giusto aricordasse e fà memoria

de l’unnici settembre maledetto,

quer ch’è successo, com’è stato detto,

ha poi cambiato er corzo de la storia.

***

Che a aripenzacce ancora nun ammetto

com’è ch’è ita tutta pe cicoria

la guardia nazzionale che se gloria

d’èsse la mejo ar monno in de ‘gni aspetto.

***

Ma d’unnici settembre da quer giorno

inzino a oggi se ne sò vissuti

in tutto quanto er monno e pure attorno.

***

De straggi e terorismo più balordo,

mijaja e più de morti e de caduti,

che meritano un giorno der ricordo. 

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. È giusto aricordasse e fà memoria
    de l’unnici settembre maledetto,
    quer ch’è successo, com’è stato detto,
    ha poi cambiato er corzo de la storia. … (continua)

    Comment by Stefano — 11 settembre 2015 @ 08:28
  2. Undici settembre: un giorno che nessuno potrà mai dimenticare. Una preghiera per tutti quei morti.
    …..
    Buona giornata.

    Comment by letizia — 11 settembre 2015 @ 09:57
  3. Ormai sta data fa parte d’a STORIA de l’UMANITA’. Purtroppo nun è abbastanza ricordata e evidenziata nei libri de scòla.
    E’ stato, come scrivi ner sonetto, ‘n cambiamento n’a vita mondiale, de l’U.S.A. E’ diventato l’inizio de ‘na guera contro er terorismo.

    Comment by 'svardoASR'29 — 11 settembre 2015 @ 11:08

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>