Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

12 Settembre 2015

Finale tricolore

Finale tricolore

***

Ancora nun ce credo veramente

finale US-Open ch’è italiana,

co du’ ragazze due, robba nostrana,

che se la giocheranno pe ‘sta gente.

***

Pennetta e Vinci, ne l’americana

giostra der tennis, ch’è la più imponente,

der granne Slam, sò ite, pare gnente,

fino in finale e senza mai ‘na grana.

***

Davero comprimenti, è grazzie a voi

che ‘gni artra contendente ha fatto cavia,

e che cantamo l’inno tutti noi.

***

Ché vince er tricolore è cosa certa,

in bocca ar lupo, quinni, a te, o Flavia,

in bocca ar lupo, quinni, a te, Robberta. 

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Ancora nun ce credo veramente
    finale US-Open ch’è italiana,
    co du’ ragazze due, robba nostrana,
    che se la giocheranno pe ‘sta gente. … (continua)

    Comment by Stefano — 12 Settembre 2015 @ 07:35
  2. Non seguo molto il tennis (il mio idolo era Lendl) ma questa è una grande vittoria delle nostre tenniste.
    Buon sabato a tutti!

    SEMPRE FORZA ROMA (e speriamo bene, perché io la nostra Roma la conosco)

    Comment by letizia — 12 Settembre 2015 @ 10:35
  3. Bene così. Du regazze che porteno avanti, co onore, er nostro Tricolore; che fanno arisona’ ne l’aria er nostro Inno Nazzionale, vanno onorate e ricordate. E’ un’Italia ar de sopra de tutte le zozzerie che l’istituzzioni varie semineno pe tutto ‘o Stivale e isole.Ce sdarà quarcuno capace de da’ ‘na bella aripulita?

    Comment by 'svardoASR'29 — 12 Settembre 2015 @ 11:36

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>