Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

23 Settembre 2018

Dar Vangelo der giorno: “chi accoje ‘gni bimbetto”

Dar Vangelo der giorno: “chi accoje ‘gni bimbetto” 

***

Ce staveno discepoli a discute

su chi, tra in mezzo a loro, era er più granne,

Gesù li prese là e a quele domanne,

Lui je rispose sì da falle mute.

***

“Chi vole èsse er primo, su de spanne,

rispetto a l’artri, e vole stà in salute,

sia l’urtimo fra tutti, e vesta tute

da servo de ‘gni prossimo ch’è in panne”.

***

C’era un pupetto che je stava accanto,

lo mise in mezzo a loro e, abbraccicato,

je disse tra er soriso suo e l’incanto:

***

“Chi accoje ‘gni bimbetto da ch’è nato,

accoje Me e chi accoje Me è già santo,

ché accoje quer Colui che M’ha mannato”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Ce staveno discepoli a discute
    su chi, tra in mezzo a loro, era er più granne,
    Gesù li prese là e a quele domanne,
    je arispose sì da falle mute. … (continua)

    Comment di Stefano — 20 Settembre 2015 @ 06:57
  2. “gli ultimi saranno i primi” questo è il messaggio di Gesù!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 23 Settembre 2018 @ 11:48
  3. I bimbi so’l’innocènza der monno e vanno curati, preservannoli dar male.

    Comment di 'svardo — 23 Settembre 2018 @ 11:54
  4. Un pensiero a Giorgio Rossi. vera bandiera giallorossa. S ventolerà per sempre, in ogni cuore romanista!

    Comment di Romamor ASR'29 — 23 Settembre 2018 @ 11:58

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>