Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

22 settembre 2018

Urtimo giorno d’Estate

Urtimo giorno d’Estate

***

L’urtimo giorno a siparià l’Estate

 cambio de scena, de costumi e d’atto,

er 22 settembre, er dado è tratto,

abbassa le seranne sconcallate.

***

Da ‘sti novanta giorni in cui, de fatto,

er Sole s’è ‘ngozzato le giornate,

rimaste in cerca d’ombra e a sfojà date

pe quattro mesi, come un cane e un gatto.

***

Er cèlo, de un azzuro ancora acceso,

pare nun voja già passà la mano

a chi sta in dirittura, ma è in sospeso.

***

Che guiderà er timone piano piano

dar tempo de un domani poco atteso,

er Sor Autunno tipico e romano. 

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. L’urtimo giorno a siparià l’Estate
    cambio de scena, de costumi e d’atto,
    er 22 settembre, er dado è tratto,
    tira giù le seranne sconcallate. … (continua)

    Comment by Stefano — 22 settembre 2015 @ 08:23
  2. E’ sempre malinconica la fine dell’estate, sembra la metafora della gioventù che sfiorisce.

    Comment by Silvio — 22 settembre 2017 @ 09:08
  3. E’ un bellissimo primo giorno d’autunno: così mi dice Google! Ed è anche il primo giorno della Bilancia, auguri a tutte le Bilance.
    Buon Venerdì.

    Comment by letizia — 22 settembre 2017 @ 10:15
  4. Oggi è una bellissima giornata di sole, sembra che l’estate non voglia andare via! Ma domani?…chissà.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 22 settembre 2018 @ 11:34

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>