Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Settembre 2021

Dar Vangelo der giorno: “si un organo è de scannalo”

Dar Vangelo der giorno: “si un organo è de scannalo”

***

Disse Gesù: “Chi scannalizza un pupo,

è mejo che co un sercio intorno ar collo,

se butti e resti giù fisso in ammollo,

in fonno ar mare, dritto da un dirupo”.

***

E ancora: “Si la mano tua dà accollo,

a scannalo de un brutto, cupo cupo,

nun perde tempo, mozzela da lupo,

è mejo ar Regno monchi e co barcollo …

***

… che a l’Inferno o Geènna indentr’ar foco.

Similimente er piede oppure l’occhio,

tajali, si de scannalo anche poco.

***

È mejo entrà o zoppi o orbi ar cocchio,

su ar Paradiso, che sani in quer loco

‘ndó regna er verme e tutto è un gran papocchio.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Meglio ciechi, storpi e senza arti in Paradiso che tutti interi e sani all’inferno!
    Buon pomeriggio.

    Comment by letizia — 16 Febbraio 2020 @ 15:42
  2. Disse Gesù: “Chi scannalizza un pupo,
    è mejo che co un sercio intorno ar collo,
    se butti e resti giù fisso in ammollo,
    in fonno ar mare, dritto da un dirupo”. …

    Comment by Stefano — 26 Settembre 2021 @ 07:16
  3. Bellissimo sonetto per un meraviglioso Vangelo! Dobbiamo uscire dal nostro egoistico IO ed entrare nell’universale NOI! Lo so che è difficile, ma ce lo chiede Gesù.
    Buona Domenica.

    Comment by letizia — 26 Settembre 2021 @ 12:15

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>