Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Ottobre 2018

Li nonni

Li nonni

***

Sò padri e madri, tutto a la seconna,

mortipricano er senzo de famija,

se fanno in quattro, senza batte cija,

pe li nipoti – chi? – Sò nonno e nonna.

*** 

Sempre a combatte chi co ’na pastija,

chi cor bastone, chi in quarche madonna,

chi co ’na copertina e chi s’assonna,

batuffolo, in piggiama de cinija.

 ***

Ma tra l’acciacchi troveno er soriso,

d’arigalà ’gni sempre ar nipotino,

ne l’occhi che sbrilluccicheno er viso …

 ***

… che ce fa compagnia su ’sto cammino,

anche si stanno tutti in Paradiso,

dentr’a un ricordo dorce da bambino.

***

Stefano Agostino

__________________________________

***

  1. Sò padri e madri, tutto a la seconna,
    mortipricano er senzo de famija,
    se fanno in quattro, senza batte cija,
    pe li nipoti – chi? – Sò nonno e nonna. … (continua)

    Comment by Stefano — 2 Ottobre 2015 @ 08:02
  2. Fortunato chi ha avuto o ancora ha i nonni: io i miei purtroppo non li ho conosciuti.
    Buona giornata, in particolare a tutti i nonni!

    Comment by letizia — 2 Ottobre 2015 @ 10:11
  3. Dolci ricordi di bambino… Auguri a tutti i nonni, più che mai presenti, disponibili e affettuosi, davvero preziosi!!!

    Comment by Silvio — 2 Ottobre 2015 @ 10:34
  4. I nonni! Nun ce so’ quasi più famije che tengheno i nonni co’ loro, magari so’ i nonni che tengheno le famije de li fiji co’ loro. Si perché ‘na vòrta c’ereno più case pluricamere, ner mentre che mo ce so’ case co camere e servizi sufficienti p’o stretto necessario a na famijia ‘n formato ridotto.
    Pe questo, oggi, er contatto tra nonni e nipoti è arquanto ridotto, tanto che arcune nipotanze manco sanno d’avecce ancora ‘n vita i nonni. Forse dipenne pure che tanti genitori se scordeno pure d’avecce i loro genitori.
    So’ contento che a me nun succede quanto sopra descritto, pure se distante, so’ vivo pe i fiji e pe le nipotanze.
    AUGURI A TUTTI LI NONNI E NONNE, IN PARTICOLARE PE QUELLI DIMENTICATI.

    Comment by 'svardoASR'29 — 2 Ottobre 2015 @ 12:18
  5. Grazie Stefano, come al solito hai mirabilmente riassunto in endecasillabi un sentimento comune a tutti noi, e direi tutti noi Italiani, perchè, per quel poco che ho viaggiato, la presenza e l’affetto grandissimo per e dai nonni è un sentimento più da Paesi Latini (Francia, Spagna, Italia, Grecia) che degli altri. Senza nonni saremmo tutti più poveri. Di Amore e di esempi.

    Comment by Pablo BigHorn — 2 Ottobre 2015 @ 23:14
  6. Bella, bellissima.
    Mi hai fatto venire le lacrime agli occhi.
    Li ho persi tropo presto i nonni, per l’età che avevano….erano giovani…di loro ho un ricordo che non mi lascerà mai per tutta la vita

    Comment by bariggio — 5 Luglio 2016 @ 08:32
  7. Solo chi ha avuto il privilegio di conoscere i propri nonni ha potuto apprezzare la loro dedizione, il loro affetto e la loro eterna dolcezza. Chi non ha mai conosciuto i nonni si è perso proprio tanto…

    Comment by Silvio — 2 Ottobre 2018 @ 10:12
  8. Un grande abbraccio a tutti i nonni!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 2 Ottobre 2018 @ 10:53
  9. Bellissimo sonetto, delicato e forte al tempo stesso. Grazie Stefano

    Comment by Pablo Bighorn — 3 Ottobre 2018 @ 15:48

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>