Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Ottobre 2015

Dar Vangelo der giorno: “er cèco de Gerico”

Dar Vangelo der giorno: “er cèco de Gerico”

***

Er cèco Bartimèo, fìo de Timèo,

ch’era lungo la strada, mendicanno,

sentì passà Gesù e, co quarche affanno,

lì cominciò a strillà, in mezzo ar corteo …

***

“De Davide sei er Fìo”, disse tremanno,

“abbi, Gesù, pietà de me, so’ reo”,

e Lui che lo sentì: “Viè, Bartimèo”

e quello scattò in piedi de rimanno.

***

 “Che vòi faccia pe te”, Gesù je chiese,

“Oh, Rabbunì, che io veda de novo”,

rispose er cèco, co le mano tese.

***

“Mó va’ che la tua fede t’ha sarvato”,

fece Gesù: “Io in te ce l’aritrovo”,

e Bartimèo ce vide e fu sanato.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Er cèco Bartimèo, fìo de Timèo,
    ch’era lungo la strada, mendicanno,
    sentì passà Gesù e, co quarche affanno,
    lì cominciò a gridà, in mezzo ar corteo … (continua)

    Comment by Stefano — 25 Ottobre 2015 @ 03:20
  2. Gesù apre gli occhi del cieco, che riacquista la vista e Lo segue pieno di gioia.
    Buon pomeriggio.

    Comment by letizia — 25 Ottobre 2015 @ 15:52

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>