Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

1 novembre 2018

Er giorno de ‘Gnissanti

Er giorno de ‘Gnissanti

***

Primo novembre: er giorno de ‘Gnissanti,

nun solo quelli scritti ar calennario,

chi co ’na chiesa, chi co un santuario,

chi è aricordato tra preghiere e canti.

 ***

Ma no der santo che cià l’onorario

e sta ner paradiso de li fanti,

quello potente e ricco de contanti,

ch’è bono a dà un lavoro e un ber salario.

 ***

Qui se festeggia er Santo de ’na vita

de dono, sacrificio e granne fede,

trascorza a penzà ar prossimo e in salita.

***

Che spesso è tra de noi, ma nun se vede,

ce se n’accorge solo che a l’uscita,

quanno ch’è tardi pe baciaje er piede.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Primo novembre: er giorno de ‘Gnissanti,
    nun solo quelli scritti ar calennario,
    chi co ’na chiesa, chi co un santuario,
    chi è aricordato tra preghiere e canti. … (continua)

    Comment by Stefano — 1 novembre 2015 @ 07:53
  2. “…Che spesso è tra de noi, ma nun se vede,
    ce se n’accorge solo che a l’uscita,
    quanno ch’è tardi pe baciaje er piede.”

    E’ bellissimo e molto vero! Auguri a tutti e una preghiera per chi soffre.
    Buona Giornata e buon Novembre!

    Comment by letizia — 1 novembre 2016 @ 10:03
  3. “…ce se n’accorge solo che a l’uscita…” Hai proprio ragione! Buona Festa di Ognissanti a tutti!

    Comment by letizia — 1 novembre 2018 @ 10:49

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>