Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Novembre 2015

Trasparente

Trasparente

***

Quanno dicevi d’èsse trasparente,

volevi stà a indicà l’èsse pulito,

coretto, onesto e senza manco un dito

che fusse da annisconne a tanta gente.

***

Ma temo che se sia poco capìto,

quer “trasparente” è stato inteso “assente”,

chi nun esiste, chi nun conta gnente,

chi è ‘no zero, solo più fallito.

***

Der trasparente che fusse leale,

sincero, e ce n’è solo quarchiduno, 

nun è arimasto ch’er puro ideale.

***

E trasparente, a annà a guardà ner mazzo,

vor dì sempricemente èsse un nessuno,

che c’è o nun c’è, nun ce frega un c…. !!! 

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Quanno dicevi d’èsse trasparente,
    volevi sta a indicà l’èsse pulito,
    coretto, onesto e senza manco un dito
    che fusse da annisconne a tanta gente. … (continua)

    Comment by Stefano — 6 Novembre 2015 @ 10:00
  2. Non ho capito a chi è dedicato ‘sto sonetto Stè!
    In ogni caso io mi sento trasparente quando incrocio qualche collega in corridoio che non saluta, a volte nemmeno per rispondere al mio saluto…

    Comment by Silvio — 6 Novembre 2015 @ 14:42
  3. Qualche volta ho sperato di essere trasparente, per non essere scocciata da certa gente, ma si sa che gli scocciatori sono sempre in agguato!
    Buona serata.

    Comment by letizia — 6 Novembre 2015 @ 18:55

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>