Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

18 Novembre 2018

Dar Vangelo der giorno: “Gesù che tornerà ne la Sua Gloria”

Dar Vangelo der giorno:

“Gesù che tornerà ne la Sua Gloria”

***

Er Sole in cèlo oscurerà de botto,

la Luna perderà quer suo sprennore,

e l’astri cascheranno cor tremore

 de tutto l’Univerzo in sopra e in sotto.

***

E su le nubi, co potenza e onore,

er Fìo dell’Omo ariverà tra un fiotto

de Angeli ariuniti e tutt’er lotto

d’eletti de ‘gni tera e ‘gni colore.

***

Così che chi vedrà ‘ste cose svorte,

ner mentre esatto quanno che accadranno,

saprà che Lui è vicino, Lui è a le porte.

***

Ché intanto Cèli e Tera passeranno,

e ‘ste parole nun ciavranno morte,

“… ma solo er Padre Mio conosce er quanno”.

**

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Er Sole in cèlo oscurerà de botto,
    la Luna perderà quer suo sprennore,
    e l’astri cascheranno cor tremore
    de tutto l’Univerzo in sopra e in sotto. … (continua)

    Comment di Stefano — 15 Novembre 2015 @ 09:17
  2. Pe’ crea’ “st’atomo der male”, omo e donna compresi, a Dio je ce vorzero 7 giorni e 7 notti.
    L’omo lo sta a distrugge da mijardi d’anni, ma ‘a soluzzione finale, quanno ariverà, sarà ‘mprovvisa.
    Pe sto motivo avemo da tene’ ‘a lanterna sempre accesa, pe nun facce trova’ ‘n castagna, quanno ariverà er giorno de la conta.

    Comment di 'svardo AsR '929 — 15 Novembre 2015 @ 12:09
  3. ARFA E OMEGA.
    Er sonetto descrive ‘n modo brillante come che sarà l’OMEGA.
    Cor permesso de Stefano, v’ariporto come Bartolomeo Rossetti descrive l’ARFA, ne la “Bibbia seconno noantri”:
    LA CREAZIONE DER MONNO (Gen. 1. 1.25)
    …..
    Tutto era senza vita: quer che c’era
    bolliva come dentro ‘na fornace,
    rivurticato senza ave’ mai pace,
    sbucherellato come ‘na groviera.
    Acqua, aria, foco, mare, celo e tera
    Tutto ‘n impasto livido, incapace,
    da solo, d’usci’ fori da la brace:
    ‘na tenebbra d’abbisso fonna e nera.
    Er monno era ‘na cosa senza forma,
    senza ‘n’anima viva, scura e vota…
    d’arberi e d’animali manco l’orma!
    Sopra er marasma de quer turbinio
    buttato lì a gira’ come ‘na rota,
    se moveva lo spirito de Dio.
    ……
    Dio disse er primo giorno: “Luce sia!”.
    E luce fu. Visto che sta lampara
    era ‘na cosa, bella e chiara,
    e a guardalla metteva l’allegria,
    la separò dar buio e diede er via
    a sta cosa più unica che rara.
    La chiamò giorno, che tutto rischiara,
    e la tenebbra notte, e così sia.
    Così fu sera e notte tutt’intorno,
    poi poco a poco s’arivò a matina,
    e piano piano finì er primo giorno.
    Dunque er primo capitolo era fatto:
    e a guarda’ indietro l’opera divina,
    Dio Padre se sentiva soddisfatto.
    ……
    Dio disse ancora: “Adesso, pe divide
    l’acqua dall’acqua, via, da sto momento
    ce sia sopra la tera un firmamento”.
    E, come gnente lo creò: se vide
    l’acqua che sale in arto e se divide
    dall’acqua che sta in basso, e fu contento.
    Da allora così fu: sto spartimento
    lo c hiamò celo. E c’era da decide
    de separa’ poi l’acqua dall’asciutto
    e ordina’ quer disordine che c’era,
    co’ quer caos che in principio stava tutto
    sottosopra e boliva come un forno.
    Ma quer giorno finì, venne la sera
    e la matina. E fu er seconno giorno.
    …..
    E disse Dio: “Saranno ridunate
    tutte l’acque che so’ sotto la sfera
    der celo, tutte in ordine, in maniera
    d’anna’ a fini’ raccorte e accatastate
    tutte in un posto. Sopra a ste spianate
    ce sia l’asciutto”. E prima d’esse sera
    la parte asciutta Dio la chiamò Tera
    a chiamò Mari l’acque già ammassate.
    E vide Dio ch’era ‘na bona cosa
    tutte ste meravije messe insieme.
    Poi disse: “Dia, sta Tera rigojosa,
    erbe, piante che faccino er su seme,
    arberi che daranno frutti a josa,
    de tante speie, e ognuna le medèsme”.
    ……
    ER così fu. Poi Dio vidde che questo
    era ‘n bona cosa e ‘n’artra vorta
    venne la sera e poi bussò a la porta
    loa prima luce, e se concruse presto
    er tezo giorno. Poi pe’ penza’ ar resto,
    Dio disse: “Vojo in arto, su la vorta
    de celo, du’ lanterne de ‘na sorta
    de separa’, quanno l’ho messe in sesto,
    er giorno da la notte”: e pe’ segnali
    de le staggioni, de li mesi e l’anni,
    ner celo Dio creò ‘sti du’ fanali.
    che inn tera giorno e notte fanno luce:
    de giorno er sole, che c’è da mill’anni,
    e de notte la Luna che riluce.
    ……
    Dopo er Sole e la Luna, a mille a mille,
    ner celo Dio creò ‘na luminaria
    de stelle, che se moveno, per aria,
    che a faje er conto nun se po’ finille.
    E brilleno a lo scuro tutte arzille,
    pe’ separa’ co’ forza origginaria,
    la luce da le tenebra contraria,
    che pèare ‘na spruzzata de faville.
    Dio, seguenno contgento li su’ piani,
    vidd che questo era ‘na bona cosa,
    e fra de sé se stropicciò le mani.
    Se fece ancora sera e poi, finito
    er buio, se rividde er er celo rosa.
    E pure er quarto giorno era compito.
    ……
    Poi disse Dio: “Sia popolato er mare
    da ‘na fiumana d’esseri viventi,
    e su la tera volino contenti
    tutti l’ucelli a frotte e pipinare”.
    Così creò li pesci d’artomare,
    dfa le bestie più grosse e prepotenti
    a li pescetti nudi e senza denti,
    che sempre se li pappa chi je pare.
    E pesci ne creò de tante specie,
    che ogni mjare fu tutto un brulichio,
    e quelli nun se sa quanti ne fece.
    Così d’ucelli ne creò artrettanti
    de mijara de specie e allora Dio
    disse tutto contento:; 2Annamo avanti”.
    ……..
    Vi9sto che quer che aveva già creato
    era ‘na bona cosa, benedisse
    ‘ste mijara de pesci e ucelli e disse:
    “Crescete tutti e sia mortipricato
    ogni essere vivente der creato”.
    E ogni coppia ebbe l’ordine d’unisse,
    perché l’oceano tutto se riempisse
    e er celo fosse tutto popolato.
    Poi, co’ la faccia alegra e soddisfatta,
    guardò inorno a che punto era arivato,
    che pure questa, all’urtimo, era fatta.
    Venne la sera, e doppo tramontato
    er sole, fu matina all’ora esatta.
    e pure er quinto giorno era passato.
    ……..
    Disse poi Dio: “La Tera metta ar monno
    bestie de tante razze d’ogni specie,
    bestie addomesticate e bestie, invece,
    feroci, tigri,rettili, seconno
    la razza sue, e ce n’entri più che pònno”.
    E così fu. In un attimo dio fece
    bestie feroci ognuna de ‘na specie,
    e domestiche, tutte fino ‘n fonno.
    Fece pure ogni razza de serpenti,
    che strisceno nascosti su la tera,
    e ogni artra specie d’esseri viventi.
    Fatto ormai tutto, come se conviene,
    er monno lo finì prima de sera:
    tutto quanto l’aveva fatto bene.
    ……
    Seguirà: La creazione dell’omo.

    Comment di 'svardo AsR '929 — 15 Novembre 2015 @ 14:28
  4. Dio ha creato l’uomo per amore, ma non è stato ricambiato!

    Comment di letizia — 15 Novembre 2015 @ 20:14
  5. “Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nubi con grande potenza e gloria”: noi Lo aspettiamo, ma solo il Padre saprà quando!
    Buona Domenica.

    Comment di letizia — 18 Novembre 2018 @ 11:31

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>