Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

3 novembre 2018

Aldo Fabrizi – La Creazzione

La Creazzione

***

Dio disse: “Mó ch’ho fatto Cèlo e Tera,

domani attacco Luce e Firmamento,

mercoledì fò er Mare, doppo invento

farfalle e fiori pe la Primavera.

***

Pe giovedì fo er Sole, verzo sera

fò li Pianeti, er Foco, l’Acqua e er Vento,

così si venerdì nun vado lento

sabbato faccio ingrese e bonasera!”

***

Finì defatti er sabbato abbonora,

“Mó – disse – vojo véde chi protesta,

dicenno ch’er Signore nun lavora.

***

Ho sfacchinato quarant’ore … basta.

Domani ch’è domenica fò festa,

e prima de fà Adamo, fò la Pasta!”.

***

Aldo Fabrizi

___________________________

***

  1. Dio disse: “Mó ch’ho fatto Cèlo e Tera,
    domani attacco Luce e Firmamento,
    mercoledì fò er Mare, doppo invento
    farfalle e fiori pe la Primavera. … (continua)

    Comment by Stefano — 21 novembre 2015 @ 08:41
  2. Come anticipato domenica passata e …… dop’ave’ buttato giù la pasta; ecchive come Bartolomeo Rossetti, nella Bibbia Seconno Noantri, ha messo ‘n rima:

    LA CREAZIONE DELL’OMO

    Poi disse Dio: “Mo’ famo finarmente
    l’Omo, che ar monno, lui, ci à più importanza,
    fatto a immaggine nostra e somijanza,
    fra tutte le creature er più potente.
    E commannì da adesso, eternamente,
    su li pesci che stanno in abbonnanza,
    ner mare, sull’uccelli, che pe stanza
    ci ànno er celo, e su ogni essere vivente”
    Così, a la fine, Adamo fu creato
    a immagine de Dio, su quer modello,
    e tutto er monno in mano je fu dato.
    Ebbe, fra tutti l’unico, un cervello
    intelligente, svejo, illuminato,
    che Dio lo disegnò proprio a pennello

    E così fu: finita la Creazione,
    in cima a tutto, ar cormo der Creato,
    inventò l’Omo, che nun era nato,
    e lo fece co tutta l’attenhzione.
    Prese un mucchio de porvere a ‘un cantone,
    e quanno l’ebbe bene modellato,
    lo mise in piedi e je soffiò cor fiato
    su la bocca, pe’ daje animazione.
    E l’Omo, co’ quell’alito vitale,
    se mosse e ci ebbe ‘n’anima vivente,
    superiore a ogni sorta d’animale.
    Dio l’Omo lo creò perfettamente,
    e siu la tera nun ce n’è l’uguale,
    seconno er piano che ci aveva in mente.

    Visto che j’era così ben riuscito,
    poi, soddisfatto, Dio lo benedisse,
    e mosso er dito in circolo je disse:
    “Ecco, ve spetta ogni arbero fiorito,
    ‘gni pianta che fa seme , in ogni sito:
    tutti li frutti che ola tera offrisse
    so’ tutti vostri, e quanno ve servisse,
    li potrete magna’, bon appetito!
    E a tutti l’animale der Creato,
    all’uccelli der celo e a tutto quello
    che se move ner monno e che è animato,
    je sarà data in pasto l’erba verde,
    pe’ nutrilli in un monno così bello:
    quer ch’ho creato Io, gniente se perde”.

    E così fu. Poi Dio se guardò in giro,
    e giudicò, cor core sollevato,
    che tutto quer che aveva già creato
    era ‘na bona cosa. Col’ un sospiro
    de contentezza fece tutto er giro
    der monno sano e sentì beato.
    E pure er sesto giorno era passato:
    mo’ se poteva ripija’ respiro.
    Così er celo e la tera ereno fatti,
    co’ tutto quello che ce stava intorno:
    ci aveva messo, Dio, sei giorni esatti.
    Perciò er settimo giorno lassò perde’
    ogni lavoro e benedì quer giorno,
    perché er riposo è santo e nun se sperde.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 21 novembre 2015 @ 13:00

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>