Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

23 Novembre 2015

La vera allerta

La vera allerta

***

Motivo vero pe cui stà in allerta,

nun sò le bombe o er kamikaze brutto,

ma quer che crea er panico pe tutto

è un’artra cosa che nun te dà scerta.

***

E che corpisce er monno dapertutto,

nun se pò mai evità, nun c’è scoperta

pe fronteggiallo e stà sotto-coperta

nun garantisce er rimané a l’asciutto.

***

E si pe quarche caso eccezzionale

lo riesci da scampà ‘na vorta a l’anno,

quello aritorna sempre, micidiale.

***

E pìa de mira co preciso inganno

er solito apparato genitale …

le palle, er lunedì, che fine fanno?   

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Motivo vero pe cui stà in allerta,
    nun sò le bombe o er kamikaze brutto,
    ma quer che crea er panico pe tutto
    è un’artra cosa che nun te dà scerta. … (continua)

    Comment by Stefano — 23 Novembre 2015 @ 08:45
  2. Io farei saltare in aria il lunedì eheheh…!!!

    Comment by Silvio — 23 Novembre 2015 @ 10:00
  3. Insomma il lunedì è proprio ‘na catastrofe!
    Buon lunedì!

    Comment by letizia — 23 Novembre 2015 @ 10:20
  4. E te pareva? Apri’ er sonetto der LUNEDI’ e vede’ che parla der terorismo anniscosto, me pareva ‘na cosa diverza da l’antre settimane, ma …in cauda venenum, ecco che all’urtima terzina ariciccia’ er cosìdetto “liet-motif”. Ah Ste’ sei ‘mpagabbile.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 23 Novembre 2015 @ 11:04

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>