Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

25 dicembre 2017

Natale

Natale

ééé

Si penzo, anche solo pe un seconno,

ch’er nostro Dio, ch’è Eterno e Onipotente,

pe fasse ariconosce da la gente

de tutti quanti l’angoli der monno …

 ***

… s’è fatto carne e carne d’innocente,

de un Pupo che cià fame, freddo e sonno,

rimango lì incantato in der profonno,

senza riuscì più a dì, né a fà un ber gnente.

***

Un Dio che, come ’gni omo da bambino,

è un quarche cosa che er resto ariduce

a meno de un avanzo da cestino…

 ***

… Ché qui nun viè de certo pe fà er duce,

puranche ch’è er Padrone der Destino,

ma pe sarvacce a tutti e dacce Luce.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Si penzo, anche solo pe un seconno,
    ch’er nostro Dio, ch’è Eterno e Onnipotente,
    pe fasse ariconosce da la gente
    de tutti quanti l’angoli der monno … (continua)

    Comment by Stefano — 25 dicembre 2015 @ 00:55
  2. Bongiorno e Bon Natale a tutti, credenti e nun credenti, perché LUI è venuto p’a sarvezza de tutti l’abitanti der monno, quelli de ieri, de oggi e de domani. Tutti avranno da crede ‘a SUA parola.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 25 dicembre 2015 @ 07:41
  3. Buon Natale a tutti i lupacchiotti

    Comment by Luca — 25 dicembre 2015 @ 08:48
  4. Questa poesia viene dal cuore, è troppo bella!
    Buon Natale a tutti!

    Comment by letizia — 25 dicembre 2016 @ 10:27
  5. Sonetto BELLISSIMO!!!!!!!
    Buon Natale a tutti.

    Comment by letizia — 25 dicembre 2017 @ 12:00

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>