Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

29 Dicembre 2015

E un artro anno passa

E un artro anno passa

***

E un artro anno passa a fà l’artr’anno,

a accompagnasse a quelli, tutti in fila,

venuti prima e er tempo che li ‘mpila,

ner corzo inesorabbile che ciànno.

***

E ‘gni anno scatta sempre la trafila

de auguri co ‘gni sorta de “speranno”,

come sarà? Le cose poi anneranno

ner verzo giusto? Mentre l’anno sfila.

***

È  tempo de bilanci e previsioni,

che nun ce cojeno più o meno mai,

ner tintinnio de brinnisi e cenoni.

***

Ma è mejo “coje” poco, e ce lo sai,

quelli a “coje” tanto sò “cojoni”,

com’er trentuno … quelli che te fai !!!

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. E un artro anno passa a fà l’artr’anno,
    a accompagnasse a quelli, tutti in fila,
    venuti prima e er tempo che li ‘mpila,
    ner corzo inesorabbile che ciànno. … (continua)

    Comment di Stefano — 29 Dicembre 2015 @ 08:43
  2. Evvai, ariva er 2016. Quanti ne so’ passati da quer giorno che … nun li vojo conta’, ché so’ troppi. Come ner passato, da quanno tengo l’uso d’a raggione, spero che sia mejio, pure se “bisestile”, de quello che se n’è ito e, comunque, de riusci’ a sfangallo.
    Quello che m’ariconsola è che se prospetta come ‘n’anno de risoluzzione d’a crisi economica in un modo (seconno quanto detto da li governanti) o ne l’artro (co ‘na bella rivoluzzione, tale da levacce de torno sti bufffoni). Come se dice: “o sni o sna”.

    Comment di 'svardo AsR '929 — 29 Dicembre 2015 @ 12:17
  3. E’ passato un altro anno e ne abbiamo uno in più sul groppone!
    Ma andiamo avanti, anche se tanti sono andati in un mondo migliore.
    Buon pomeriggio.

    Comment di letizia — 29 Dicembre 2015 @ 16:07

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>