Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

3 Gennaio 2016

Dar Vangelo der giorno: “in principio era er Verbo”

Dar Vangelo der giorno: “in principio era er Verbo”

***

Dapprima c’era er Verbo, ch’era Lui,

Lui ch’era presso Dio, Lui era Iddio,

tutt’era stato fatto da Lui, Dio,

Luce der monno tra sentieri bui.

 ***

Ma er monno ’ndó ’gni omo penza a l’io,

e a tutti l’affaracci che sò sui,

mica l’ha accòrto, no, raggion pe cui,

s’è fatto carne, da Dio Padre ar Fìo.

***

Eppoi è venuto a vive in mezzo a noi,

pe fàcce contemplà quela Sua Gloria,

a dicce: “So’ venuto qua pe voi …

***

… pe davve la sarvezza, co ’sta Voce”,

ma noi ar Re der Cèlo e de la Storia,

l’avemo appeso a chiodi inzù la Croce.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

***

  1. Dapprima c’era er Verbo, ch’era Lui,
    Lui ch’era presso Dio, Lui era Iddio,
    tutt’era stato fatto da Lui, Dio,
    Luce der monno tra sentieri bui. … (continua)

    Comment by Stefano — 3 Gennaio 2016 @ 08:11
  2. Era er Verbo, solo la parola e , dato che l’omo nun s’o filava, venne a fasse vede’ ne li panni der fijo e, ‘nde ste vesti, soffrì ‘a Croce, pe’ dacce ‘a redenzione dar peccato.
    Bon giorno e bòna domenica a tutti.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 3 Gennaio 2016 @ 09:54
  3. Al giorno d’oggi, nonostante LUI, continua ad esserci un Cristo inchiodato ad una Croce: l’uomo non imparerà mai!
    Buona Domenica.

    Comment by letizia — 3 Gennaio 2016 @ 11:30

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>