Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

5 Gennaio 2016

Che massa de … storni

Che massa de … storni

 ***

Ma che condanna ciò p’èsse romano?

Nun ciabbastava Mafia Capitale,

l’inquinamento o “smog” ch’è tale e quale,

e che guasi accomuna co Milano …

***

Mancava giusto er danno ambientale

de ‘st’ucelletti a granne deretano

che cacano … ner caso loro è guano,

come nun riesce ner monno animale.

***

L’asfarto già scocciato da la pioggia,

diventa scivoloso più der ghiaccio,

sarta ‘gni sòla solo che s’appoggia.

***

Anch’er più carmo, quela carma perde,

ner mentre è in volo e sa che fa da straccio

p’aripulì la strada da ‘ste m…. !!!

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Ma che condanna ciò p’èsse romano?
    Nun ciabbastava Mafia Capitale,
    l’inquinamento o “smog” ch’è tale e quale,
    e che guasi accomuna co Milano … (continua)

    Comment di Stefano — 5 Gennaio 2016 @ 08:27
  2. Gli storni, al di là che è bello vedere le loro fantasiose evoluzioni, sono una vera rottura di scatole alla quale c’è poco rimedio, ma una volta non c’erano gli ultrasuoni che li allontanavano?
    Buona giornata

    Comment di letizia — 5 Gennaio 2016 @ 10:47
  3. bongiorno. Si, propio ‘na massa de st….orni ch’ariempie er lungotevere e artri viali arberati de guano, ma pure ‘n’anrea massa de str…ani so’ quelli che aveveno da fa’ funziona’ l’urtrasòni e megafoni varì, pe nun falli propio nidifica’. Ormai fatti i nidi, nun li cacci più.

    Comment di 'svardo AsR '929 — 5 Gennaio 2016 @ 11:30
  4. Dopo l’emergenza smog ecco l’emergenza guano. Ci vorrebbe un’ordinanza che imponesse agli storni di defecare a giorni alterni.

    Comment di Laio — 5 Gennaio 2016 @ 12:05

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>