Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

9 Gennaio 2016

Godemose quest’urtimi du’ giorni

Godemose quest’urtimi du’ giorni

***

Godemose quest’urtimi du’ giorni,

prima de tornà tutti ar quotidiano,

er solito tran-tran che, caso strano,

quanno va via e speri nun ritorni …

***

… appena te rilassi piano piano,

co la puntualità de freddo e storni,

te casca addosso, guasi te ce scorni,

e t’aritrovi sempre in mezzo ar guano.

***

Godemose ‘sto fine settimana,

pe poi arituffasse a capo chino

in der lavoro, tutti in fila indiana.

***

Ché poi qui da gennaio a arivà fino

a agosto … ce lo sai quant’è lontana …

ch’anche Plutone pare più vicino.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

  1. Godemose quest’urtimi du’ giorni,
    prima de tornà tutti ar quotidiano,
    er solito tran-tran che, caso strano,
    quanno va via e speri nun ritorni … (continua)

    Comment by Stefano — 9 Gennaio 2016 @ 06:52
  2. Bongiorno e ‘n particolare: Bon sabbato. Che ce vòi fa’, li francesi dicheno:”C’est la vie”, che poi pe’ arcuni pò esse’ “an rose” e pe’ artri ‘n’accidente. Cercamo de pialla a la mejio, pensanno a come se starebbe si commannasse “Kim Jong”. Chissà, magara mejo de Renzi?

    Comment by 'svardo AsR '929 — 9 Gennaio 2016 @ 11:10
  3. Ahahahah, ‘svardo sei forte!!!!!!!!
    Buon sabato a tutti.

    Comment by letizia — 9 Gennaio 2016 @ 11:38
  4. 🙂

    Comment by Stefano — 9 Gennaio 2016 @ 11:42

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>