Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

22 Gennaio 2016

Neil Armstrong, la Luna e er venerdì

Neil Armstrong, la Luna e er venerdì

***

Neil Armstrong quer giorno su la Luna,

quanno sortì da quela navicella,

che toccò er sòlo, prima sentinella,

disse ‘na frase, come mai nessuna.

***

Quanno che impresse l’orma, la più bella,

dovevà dì quarcosa, armeno una,

guasì a scorpì er momento, su ‘na duna

de l’astro che cor Sole s’assorella.

***

E disse, sartellanno come gnomo,

che era un barzo pe l’umanità,

quer piccoletto passo suo de omo.

***

Solo che mó, vabbè, è ita così,

ma nun l’ha detto ar mette piede là …

lui stava a aringrazià er “venerdì”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Neil Armstrong quer giorno su la Luna,
    quanno sortì da quela navicella,
    che toccò er sòlo, prima sentinella,
    disse ‘na frase, come mai nessuna. … (continua)

    Comment di Stefano — 22 Gennaio 2016 @ 08:36
  2. Venerdì vittoria del genere umano!

    Comment di Silvio — 22 Gennaio 2016 @ 10:45
  3. Grazie a Dio è Venerdì e l’UNESCO ha decretato che è Patrimonio dell’Umanità!
    Buon Venerdì!!!!!!

    Comment di letizia — 22 Gennaio 2016 @ 13:23
  4. Buon sabato a tutti. So’ ‘gnorante, nun sapevo che su la Luna ce soffia er vento. Nun me so’ mai soffermato su sta foto. ????

    Comment di 'svardo AsR '929 — 23 Gennaio 2016 @ 00:26

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>