Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

16 Febbraio 2019

Trilussa – Gatta ce cova

Gatta ce cova

***

In un villino avanti a casa mia,

tutte le sere vedo una signora

ch’accenne un lume, fa un segnale e allora

va su un bell’omo a faje compagnia.

***

‘Sto marcantonio, che nun so chi sia,

cià un grugno da tedesco ch’innamora

e data quela visita a quel’ora,

m’è venuto er sospetto ch’è una spia.

***

La stessa cammeriera se n’è accorta,

e sere fa, cor coco e co la balia,

se misero a sentì dietro la porta.

***

Però nun hanno ancora stabbilito,

si l’ariceve a danno de l’Italia,

o a danno solamente der marito.

***

Trilussa

__________________________

***

  1. In un villino avanti a casa mia,
    tutte le sere vedo una signora
    ch’accenne un lume, fa un segnale e allora
    va su un bell’omo a faje compagnia. … (continua)

    Comment di Stefano — 20 Febbraio 2016 @ 07:17
  2. Ha ragione letizia, applausi. Semplice e geniale, questo era Sallustri. Per nostra fortuna, oggi abbiamo un degno erede che ci delizia con i suoi endecasillabi.
    Una curiosità : è “sere da” oppure “sere fa”?

    Comment di Pablo bighorn — 21 Febbraio 2016 @ 10:52
  3. Hahahaha penso solo al danno del marito!!!!

    Comment di laura — 25 Giugno 2016 @ 07:30
  4. Bongiorno. Pò esse’ che univeno l’utile ar dilettevole, facenno cornuti l’Itaglia e er marito. Dimo: te me dici ‘na cosa a me e io te do ‘na cosa a te.

    Comment di 'svardo AsR '929 — 25 Giugno 2016 @ 13:33

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>