Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

27 Febbraio 2016

Trilussa – A Lina

A Lina

***

Lina, te credi, perché m’hai piantato

che me sùcidi, e te ciariccomanni?

Nun te ce stà a pijà tutti ‘st’affanni,

ché nun lo fo ‘sto passo disperato.

***

Io nun m’ammazzo manco se me scanni,

doppo anneressi a dì p’er vicinato

che p’er grugnetto tuo ce s’è ammazzato

un giovenotto de ventiquattr’anni.

***

Così diventeressi interessante

a la barba d’un povero regazzo

e te aritroveressi un antro amante.

***

Ma co me nun se fanno cert’affari:

piuttosto do a intenne che m’ammazzo,

pe causa de dissesti finanziari.

***

Trilussa

________________________

***

  1. Lina, te credi, perché m’hai piantato
    che me sùcidi, e te ciariccomanni?
    Nun te ce stà a pijà tutti ‘st’affanni,
    ché nun lo fo ‘sto passo disperato. … (continua)

    Comment by Stefano — 27 Febbraio 2016 @ 07:39
  2. E bravo, morto un papa se ne fa un altro! Uccidersi per amore è una fesseria.
    Buon sabato piovoso.

    Comment by letizia — 27 Febbraio 2016 @ 10:53

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>