Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

4 Marzo 2016

Dice ch’era un bell’omo…

Dice ch’era un bell’omo…

***

‘Gni 4 marzo er mio penziero vola

fin a Lassù ‘ndó stai a sonà er concerto

de quelli a enormi spazzi e a Cèlo aperto

e in cui se sente la tua voce sola.

***

E ‘ndó ce sta er pienone, quest’è certo,

e canti er repertorio che dà scòla

ancora oggi e basta ‘na parola

pe fà intonà l’applauso mejo scerto.

***

E t’aringrazzio, mentre t’aricordo,

d’avecce arigalato quer tuo monno

fatto de note e musica e ‘gni accordo …

***

… che sa dà un tocco ar còre co ‘no strucio,

ch’è ‘na carezza data in quer seconno,

è sempre quattro marzo caro LUCIO !!!

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. ‘Gni 4 marzo er mio penziero vola
    fin a Lassù ‘ndó stai a sonà er concerto
    de quelli a enormi spazzi e a Cèlo aperto
    e in cui se sente la tua voce sola. … (continua)

    Comment by Stefano — 4 Marzo 2016 @ 08:41
  2. Bongiorno. Finarmente ‘na giornata de sereno, giusta pe ‘n penziero ar grande Lucio Dalla.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 4 Marzo 2016 @ 08:57
  3. Stasera, vojo sperà che sia ‘na bella serata: viola’ ‘na bella Fiorentina nun ce farebbe male.

    Comment by RomamoR AsR '929 — 4 Marzo 2016 @ 08:59
  4. Oggi scontro diretto decisivo per capire se la stagione giallorossa è tutta da buttare o se si può ancora salvare qualcosa!

    Comment by Silvio — 4 Marzo 2016 @ 09:04
  5. Grande Lucio……

    Comment by laura — 4 Marzo 2016 @ 09:15
  6. Lucio, insieme ad altri grandi, continua a cantare le sue poesie!
    Buona Giornata! (e sempre FORZA ROMA)

    Comment by letizia — 4 Marzo 2016 @ 09:30

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>