Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Poesie romanesche

12 Marzo 2016

Trilussa – Er disinteresse

Er disinteresse

***

Una Mosca cascò drento un barattolo

pieno de marmellata

e ciarimase mezza appiccicata.

Cercava de stà a galla, inutirmente,

provava a uscì, sbatteva l’ale, gnente!

Più s’attaccava ar vetro,

più scivolava addietro.

***

Un Ragno, che pe caso

lavorava su una trave der soffitto,

cor filo de la tela, dritto dritto,

scese a piommo sur vaso:

“Che bella Mosca” – disse – “pare un pollo.

È necessario che la sarvi io

pijannolla p’er collo

armeno ce guadagno

che fo ‘na bona azzione e … me la magno”.

***

Conosco uno strozzino amico mio

che cià li stessi metodi der Ragno…

***

Trilussa

___________________

***

  1. Una Mosca casco drento un barattolo
    pieno de marmellata
    e ciarimase mezza appiccicata.
    Cercava de stà a galla, inutirmente,
    provava a uscì, sbatteva l’ale, gnente! … (continua)

    Comment by Stefano — 12 Marzo 2016 @ 08:30
  2. Bongiorno. Ecco, questo è er paragone giusto, pe’ similitudine, co’ l’operato der governo ‘n carica: ce sta a avvorge dentro ‘na rtela de ragno; ce controlla tutto e tra poco ce dirà pure quello che dovemo magna’, pe’ pote’ fa’ ‘e giuste hahate (si, alla toscana).

    Comment by 'svardo AsR '929 — 12 Marzo 2016 @ 10:18
  3. Bravo ‘svardo, hai fotografato il momento italiano!
    Buon Sabato!

    Comment by letizia — 12 Marzo 2016 @ 10:20
  4. credo che il dialetto romanesco possa allietare pure gli scontrosi
    Giacomo…..

    Comment by giacomo — 20 Maggio 2017 @ 12:11

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>