Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

13 gennaio 2018

Trilussa – La partita

La partita

***

Te ricordi, Marietta, quela sera

che se faceva a scopa unicamente

pe potesse bacià libberamente,

senza fà inzospettì la cammeriera?

***

E tu, ch’eri più furba e più prudente,

pe fà la parte come fosse vera,

spesso dicevi: “Faccio la primiera,

l’ori, le carte e tutto er rimanente”.

***

Ma appena scappò fòra er sette bello

la cammeriera, mezza inzonnolita,

se squajò co la scusa der fornello.

***

Fu allora che te presi pe la vita

e, doppo un certo bacio scrocchiarello,

te dissi piano: “Ho vinto la partita”.

***

Trilussa

______________________

***

  1. Te ricordi, Marietta, quela sera
    che se faceva a scopa unicamente
    pe potesse bacià libberamente,
    senza fà inzospettì la cammeriera? … (continua)

    Comment by Stefano — 16 aprile 2016 @ 07:01
  2. Che belloooooo, bellissimo sto sonetto!!!!

    Comment by laura — 16 aprile 2016 @ 08:49
  3. Bongiorno e bon sabato. Eccone n’antro che, come Stefano, nun sbaja mai ‘n sonetto. Questo der Trilussa è simpatico.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 16 aprile 2016 @ 11:31
  4. Buon sabato illuminato dal sole!

    Comment by letizia — 13 gennaio 2018 @ 10:14

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>